I messaggi sponsorizzati sono elementi a pagamento per il cui contenuto sono responsabili unicamente le aziende pubblicitarie. BTC-ECHO non è responsabile dei servizi promessi o delle raccomandazioni di investimento.

Hard- e Soft-Cap: Cosa significano questi due termini per gli crypto trader ICO?

Chiunque investa più frequentemente in ICO (Initial Coin Offerings) il suo Bitcoin, Ethereum & crypto trader, non solo ha la possibilità di essere tra i primi e di conseguenza di registrare rendimenti elevati, ma ha anche sicuramente inciampato più spesso sui termini hard e soft cap. Nel caso di ICO rispettabili, entrambi sono specificati in modo trasparente dal progetto stesso e forniscono informazioni preziose per l’investitore crypto trader.

Definizione e applicazione pratica di tappi rigidi e morbidi

I due termini inglesi possono essere tradotti al meglio come confini “duri” o “morbidi”. Questo si riferisce a due obiettivi di finanziamento distinti per il progetto. L’hard cap è l’obiettivo di finanziamento che non viene superato, anche se il progetto potrebbe raccogliere ancora più soldi. Pertanto, l’hard cap riflette anche la capitalizzazione di mercato (e quindi il valore di mercato) di un progetto una volta completato l’ICO. Ad esempio, se l’hard cap era di 50 milioni di dollari USA ed è stato raggiunto, il progetto ha una capitalizzazione di mercato (market cap) di 50 milioni di euro. La situazione può cambiare non appena i gettoni vengono pubblicati e il progetto viene quotato in borsa.

Il soft cap è un soft limit ed è considerato l’obiettivo di finanziamento necessario almeno per la realizzazione del progetto e quindi per un ICO di successo. E ‘di solito è molto più basso rispetto al tappo duro e dovrebbe sicuramente essere raggiunto. In caso contrario, i progetti seri offrono agli investitori la possibilità di recuperare il denaro trasferito, poiché in questa situazione non è garantito che il progetto abbia fondi sufficienti per raggiungere tutti i suoi obiettivi. Di conseguenza, l’ICO deve essere considerato fallito se non si raggiunge un soft cap in uscita. Se, per esempio, un hard cap è intorno ai 50 milioni di cui sopra, un soft cap potrebbe essere di circa 8 milioni di dollari. Ogni finanziamento completato tra questi 8 e 50 milioni viene poi considerato come un ICO di successo, per cui i progetti vogliono naturalmente raggiungere il loro hard-cap nel caso ideale.

Metodi per la realizzazione e la strutturazione di un tappo

Ci sono diverse varianti di come un tappo può essere implementato nella pratica. Con questo termine si intende il modo in cui vengono realizzati i rispettivi soft e hard caps, il che potrebbe essere interessante anche per gli investitori. Nel seguito, questi saranno brevemente spiegati, perché giocano un ruolo anche per quanto riguarda la realizzazione di capsule morbide e rigide.

Capped First & Come First & Served First & Served First
Qui il numero massimo (il tappo) dei gettoni è fisso, che vengono venduti in cambio ad un prezzo fisso. Coloro che sono stati troppo lenti e vogliono investire solo quando il limite massimo è già stato raggiunto non riceveranno più alcun gettone. In alcuni casi, questi tappi sono raggiunti un po ‘più rapidamente, poiché, ad esempio, bonus aggiuntivi potrebbero essere spesi per l’investimento nel caso di una pre-vendita. Questo è il modo più comune per ottenere un tappo morbido o duro.

ICO non incapsulato
Un metodo meno diffuso che comporta anche molti rischi per gli investitori. Un numero illimitato di gettoni viene rilasciato per un periodo di tempo normalmente lungo. Non esiste quindi, per così dire, un soft o hard cap e il valore di mercato diretto del progetto non può essere valutato sulla base dell’ICO.

Asta con metodo non incapsulato o incapsulato
In un’asta con massimale, gli investitori hanno la possibilità di offrire un determinato prezzo. Si chiama le singole procedure individuali con una tale asta anche olandese o azione cieco. Viene poi emesso un numero variabile in relazione al prezzo dell’offerta, motivo per cui vengono presentate anche offerte inferiori.

In un’asta non vincolata, che viene usata raramente, gli investitori fanno le loro offerte sia per il prezzo che per il numero di gettoni desiderato, procedendo in ordine decrescente fino a quando il numero di gettoni è esaurito. Anche in questo caso, non c’è una limitazione diretta.